Scuola media cardano al campo

Please forward this error screen to 46. Terzo dei sei figli di Aronne e di Zefora Levi, scuola media cardano al campo a Verona il 6 nov.

1835, in una famiglia israelita di stretta osservanza religiosa, le cui condizioni economiche, inizialmente floride, avevano subito un drastico ridimensionamento a seguito di errori finanziari. Sulla pazzia di Gerolamo Cardano, in Gazzetta medica italiana – Lombardia, s. Rientrò poi nell’ateneo ticinese e vi concluse gli studi laureandosi nel 1858 con una tesi sul cretinismo in Lombardia. 1863, mentre era ancora impegnato nel servizio militare, dette inizio come docente privato a un corso libero di clinica delle malattie mentali e antropologia. A Pavia nel 1870 il L. Medicina legale sperimentale sull’uomo criminale, paragonato all’uomo sano e all’alienato” che terrà, con lezioni impartite il pomeriggio della domenica, per due anni.

Nel 1871, vincitore di concorso, assunse la direzione del manicomio provinciale S. Superato il relativo concorso nel 1875, nel novembre dell’anno successivo il L. Università di Torino come professore ordinario di medicina legale: affrontando le difficoltà di adattamento in una sede poveramente attrezzata, sistemò gli strumenti scientifici e la raccolta museale che stava allestendo nei due locali messigli a disposizione dal Consorzio universitario nel palazzo centrale di via Po per il “Laboratorio di medicina legale e di psichiatria sperimentale”. Notevole fu la varietà dei temi che il L.

Antropologia, psichiatria e medicina legale, le tre discipline così intimamente legate e convergenti sullo studio psicofisico dell’uomo sano e dell’anormale e su quello dei loro rapporti con l’ambiente e la società, costituirono il grande campo di indagini del Lombroso. L’uomo bianco e l’uomo di colore. Sull’istituzione dei manicomi criminali in Italia, in Rendiconti del R. Istituto lombardo di scienze e lettere, 1872, vol. Osservazioni critiche intorno alla memoria del dottor S. Impegnato anche nel campo politico e sociale, il L. Dal suo matrimonio con Nina De Benedetti ebbe i figli Paola Marzola, Gina Elena Zefora, Aronne Arnaldo Leo e Ugo, che divenne professore di fisiologia.